Il debito che non c'è.

Il debito che non c'è.

 

Ascoltate il mio ragionamento.

Se uno Stato emette la propria valuta in regime di monopolio, quando spende non fa altro che acquistare beni e servizi dai cittadini.

I cittadini ad esempio costruiscono l'autostrada, e di conseguenza ci dovrà anche essere della forza lavoro che crea le risorse necessarie al concepimento dell'autostrada, più tutte le altre cose che servono anche ai lavoratori stessi per esempio, che vengono sempre dal lavoro dei cittadini.

Quindi in sostanza i cittadini vendono il proprio lavoro e la propria produzione allo Stato che li acquista.

Però quando si parla dello Stato, si usa parlare di “spesa a deficit”. “Deficit” sta ad indicare qualcosa che “manca”. Ma a chi “manca”, allo Stato o ai cittadini? In prima istanza “manca” ai cittadini che dovranno privarsi del loro tempo e delle loro risorse per effettuare il lavoro richiesto.

Ma se i cittadini lavorano per uno Stato democratico che crea un sistema economico per far si che i cittadini abbiano beni, servizi e infrastrutture comuni, in pratica i cittadini lavorano per se stessi, laddove singolarmente o isolati non riuscirebbero a creare gli stessi tipi di beni, servizi, e infrastrutture.

 

Dove sta il DEFICIT?

 

Nel manifesto della MMT, si dice che il debito pubblico, deve essere rinominato in debito di Stato. Cioè (forse), è lo Stato che è in debito con i cittadini per il lavoro svolto?

 

Prendiamo un altro esempio: se una strada che prima era pubblica (Aurelia) viene privatizzata per “sanare il bilancio” (trasformandola in autostrada) che cosa avviene materialmente?

  1. In principio la strada era stata costruita con il lavoro dei cittadini che hanno svolto fisicamente il lavoro di costruzione.

  2. Una società privata compra la strada già in parte costruita, e di fatto sottrae un bene pubblico a chi l'ha fatto, e alla comunità.

  3. I cittadini si troveranno a pagare un pedaggio sulla strada che avevano costruito con le proprie mani.

  4. Siccome questo tipo di società private, raramente hanno i soldi per acquistarla, lo Stato gli da anche un “aiuto” sotto forma di finanziamenti di vario genere.

 

I cittadini si ritroveranno quindi a dover lavorare di più per pagarsi la strada che avevano già costruito, ed in più, la società avendo i fondi che riceve dallo Stato, può sottrarre all'economia reale la forza lavoro che gli serve a privatizzare la strada che prima era pubblica. Di fatto il privato in questo modo riesce a sottrarre sia la forza lavoro, che i beni materiali che comprendono anche le risorse naturali con le quali la strada era stata costruita.

I cittadini vengono in questo caso truffati tre volte (costruzione – privatizzazione con l'aiuto dello Stato – pagamento del pedaggio), mentre nel caso dello Stato democratico, in realtà, i cittadini lavorano per se stessi.

 

Perché continuare ad usare la parola “debito” o “deficit”, quando il sistema economico, è solo un supporto per far girare l'economia reale?

 

Se sappiamo che il bene finanziario è diverso da quello reale, che senso ha parlare di “spesa a deficit”?

 

Normalmente, anche in ambito MMT, si parla di “debito che non è un problema”. Ma dove sta questo debito?

 

Io direi piuttosto, che Stato emette la sua valuta, e la fa accettare con le tasse. In caso lo Stato emettesse dei titoli, i soldi di chi “acquista” i titoli, si sposterebbero semplicemente in un conto fruttifero di risparmio. Si tratterebbe in sintesi di soldi già in circolazione, che vengono temporaneamente congelati.

C'è il debito?

 

Nessuno pensa a questo: se mancasse un sistema monetario, non esisterebbe la disoccupazione, in quanto ciascuno sarebbe impegnato in qualcosa per la propria sopravvivenza.

Ma con un sistema monetario però, ci dovrebbe essere la giusta economia, che regola la ricchezza reale di tutti.

Dicendo che dovremmo tornare al vecchio sistema, dove la banca centrale (che sia BCE con l'€uro o BI con la £ira) “compra” i titoli di Stato e che il “debito non è un problema”, non stiamo di fatto limitandoci, non comprendendo che può esistere tranquillamente un’emissione di denaro senza titoli di Stato?

 

Cos'è che ci limita? Che cos'è che inconsciamente blocca le persone, nel capire che nella realtà siamo tutti noi a fare le cose, e che il sistema economico è solo un supporto?

 

La Verità può risolvere il problema.

Aggiungi un commento

Filtered HTML

  • Indirizzi web o e-mail vengono trasformati in link automaticamente
  • Elementi HTML permessi: <a> <em> <strong> <cite> <blockquote> <code> <ul> <ol> <li> <dl> <dt> <dd>
  • Linee e paragrafi vanno a capo automaticamente.

Plain text

  • Nessun tag HTML consentito.
  • Indirizzi web o e-mail vengono trasformati in link automaticamente
  • Linee e paragrafi vanno a capo automaticamente.
CAPTCHA
Trascrivi il codice generato nell'immagine
Image CAPTCHA
MAIUSCOLE & minuscole contano!