Novità per il M5S!

La gente si smanetta con le foto di Giulia Sarti.

 

Devo confessare che prima di aver letto l'articolo su un giornale, riguardo le foto hard, non sapevo neanche chi fosse.

Ma ora, questa giovane fanciulla, ha un volto, ed un nome.

Solo che i giornali fanno finta di niente, e pubblicano la foto di Giulia, con annesso articolo, dove spiegano che ci sarebbero delle foto “hard”, ma per riservatezza non “diciamo il nome”, ma se si fa una ricerca su Google immagini con i termini “M5S hard” escono fuori le foto di Giulia Sarti.

 

Comunque questo spiega, quali sono le priorità per la specie umana.

Attendiamo con ansia queste foto, che se verranno pubblicate, non possono che portare benefici al M5S, che alle prossime elezioni avranno un boom ancora maggiore di preferenze.

 

Questo accadimento però, mette in luce un problema non da poco: come ci sono finite le foto della fanciulla nelle mani di una redazione giornalistica? (le stanno ancora visionando, fino a quando potranno visionarle)

Visto che il M5S crede che il web sia la soluzione di tutto, cosa accade quando il web viene usato per diffondere immagini che in teoria non dovrebbero neanche essere scattate? (che se poi uno le vuole scattare le scatta uguale, era per dire)

 

Io penso che se nei prossimi giorni salteranno queste foto, non accadrà nulla che possa sconvolgere un utente medio di internet, abituato ormai a tutto.

Ma siamo sicuri noi di volere tutto questo?

 

Cosa accade se una persona viene violata nella sua sfera privata, e questo viene visto come una cosa normale; e quindi non come una violazione il fatto che delle foto scattate all'interno di una abitazione, vengano divulgate come se Giulia Sarti, si fosse fatta un profilo in uno dei tanti siti hard; come se uno avesse visto navigando un sito dal nome www.giulyhot.com; come se non ci fosse più la differenza tra una foto che una si è fatto scattare o si e scattata (o qualcun altro la scattata), e una foto di un sito che vende le immagini.

 

Non a caso è Beppe Grillo a cui piace tanto questa rivoluzione del porno, che uno va la, e incontra chi gli pare.

 

Questa rivoluzione del web, che sta portando la gente in un luogo virtuale, e che mai si incontrerà in un luogo reale prima di essersi sentiti su skype, o su FB, o magari in streaming così anche gli altri ti vedono, e mentre tu parli con la persona ci sono anche quelli che commentano (i più dicendo cazzate).

 

Il M5S millanta la proprietà positiva del web, però nessuno ha ancora un sistema veramente sicuro per scambiarsi le informazioni. E così un domani, o meglio già oggi, qualcuno potrebbe scrivere al posto di un altro, ma siccome la gente si incontra sempre di più solo sul web, allora non saremmo certi neanche più delle nostre identità.

Molti sanno che quello che sto dicendo è vero, che non è una cazzata; e molti però fanno finta di niente, e vanno avanti così.

 

Nel M5S dove si vota con un mi piace (pollice all'insù), per dire che va bene; e se non ti va bene metti un commento. E chi li verifica i profili di chi ha deciso di espellere o lasciare una persona all'interno del moVimento?

 

Vi rendente conto della enormità della cazzata?

Vi rendete conto di quale futuro si prospetta se questa cosa va avanti?

Vi rendete conto che ciascuno di noi avrà una specie di “rating” del profilo, con la gente che decide in base ad impulsi emotivi?

Vi rendete conto che non esisterà più il tempo naturale delle cose, che non potrà più esistere che delle persone si siedano ad un tavolo per mangiare in tranquillità, perché c'è sempre uno che deve rispondere al telefono, o ad un twett, o ad un post, o etc.?

 

Questo è il “nuovo” che avanza. Una società cyber-controllata, dove la gente mette il “mi piace” sotto il video di uno che dorme a casa sua. Questo non è un qualcosa che accadrà. Questo è un qualcosa che sta già accadendo.

Fermiamo questa pazzia al più presto.

 

Il M5S mette in risalto le proprietà positive della tecnologia, ma non ti dice che la tecnologia può essere invadente, e deve essere controllata dalla gente, e non vice versa.

Il M5S non ti dice che oggi una microcamera è in libera vendita, e che con pochi euro tu puoi controllare la vita di una persona, contro la sua volontà. Prezzo che oscilla dai 15 ai 1000 euro secondo i modelli.

 

Tu, caro grillino, hai pensato a questo quando ti dicevano che la tecnologia risolve i problemi; e oggi ti ritrovi la tua amata rappresentante, che si “tocca”. Ed ovviamente molti di noi sono curiosi di vedere le foto (perché no).

Tu caro grillino, hai pensato che magari il problema è la natura umana, e che la tecnologia usata male, può causare dei problemi, in quanto ciascuno di noi può essere osservato, e da questa osservazione qualcuno potrebbe sapere delle cose su di te, per scoprire i tuoi punti deboli.

 

Tu, italiano medio, hai mai pensato che sarebbe ora di correre ai ripari?

 

Aggiungi un commento

Filtered HTML

  • Indirizzi web o e-mail vengono trasformati in link automaticamente
  • Elementi HTML permessi: <a> <em> <strong> <cite> <blockquote> <code> <ul> <ol> <li> <dl> <dt> <dd>
  • Linee e paragrafi vanno a capo automaticamente.

Plain text

  • Nessun tag HTML consentito.
  • Indirizzi web o e-mail vengono trasformati in link automaticamente
  • Linee e paragrafi vanno a capo automaticamente.
CAPTCHA
Trascrivi il codice generato nell'immagine
Image CAPTCHA
MAIUSCOLE & minuscole contano!