Lettera #7 (13 marzo 2013)

Mercoledì 13 Marzo 2013

 

Cara Laura,

Siccome ho deciso di sposarti, sto facendo i preparativi per il matrimonio.

Forse sarò un po' prematuro, ma ci sono tante cosa da fare oggi prima di sposarsi.

 

Per cominciare sono andato a cercare la chiesa dove ci dobbiamo sposare. Ho deciso di fare le cose in grande, e ho scelto la chiesa a Piazza S. Giovanni a Roma.

Io sono entrato in chiesa, e gli ho chiesto cortesemente quando avevano disponibilità per un matrimonio. Mi hanno risposto cortesemente, che per il momento non c'era disponibilità da almeno per un decennio. Mi hanno suggerito di andare a Firenze, per vedere se c'era un posto in qualche chiesa.

Fortunatamente anche se non vado in chiesa, ho già fatto la cresima, e quindi ho già le carte in regola per sposarmi. Meno male.

Sono andato a Firenze, e ho parlato con Matteo Renzi, per farmi aiutare a trovare una chiesa adatta, e mi ha detto che ce n'è una che poteva fare al caso mio. L'unica cosa, è che bisogna pagare 5000 € al fioraio della chiesa, che però usa solo rose rosse, e non altri fiori.

Io ho chiesto a Renzi, se potevo chiamare un altro fioraio; lui mi ha risposto che poteva andare bene, ma potevo avere dei problemi.

 

Quindi amore mio, cominciamo a mettere da parte 5000 €, che ci servono per il fioraio (i SIMEC non valgono amore mio).

Dunque per la chiesa siamo apposto, e per il 13 maggio 2013 ci sposiamo.

Però mi sono incuriosito: come mai così presto? Di solito ci vuole circa un anno per organizzare il matrimonio. Poi però mi hanno chiesto dove avessimo fatto la cresima io e te.

Quelli della chiesa dove ci dobbiamo sposare, mi hanno detto che la cresima uno la può fare dove vuole, però nel nostro caso dobbiamo avere il permesso dell'opus dei, altrimenti non se ne fa niente.

Allora sono andato all'opus dei, e mi hanno detto che durante il matrimonio ci doveva essere uno di loro. Ci siamo messi d'accordo, e ho parlato con la persona che dovrebbe venire il giorno del nostro matrimonio.

Poi però mi ha detto che lui è anche nella massoneria, e sarebbe stato meglio se al nostro matrimonio invitiamo anche qualche massone, così loro sono contenti, e noi siamo apposto. Però il massone mi ha detto, che lui sta anche nei servizi segreti, e che ora è un infiltrato all'interno di un organizzazione mafiosa. Che però il capo di questa organizzazione mafiosa è il capo di una loggia, e che anche lui vorrebbe venire al matrimonio.

In realtà il capo di questa organizzazione mafiosa, che è anche il capo di una loggia, è un infiltrato all'interno della polizia, ed è stato incaricato di essere infiltrato all'interno di una organizzazione mafiosa. In realtà forse lui è un infiltrato della polizia, all'interno di una organizzazione mafiosa, e lì è stato incaricato di infiltrarsi all'interno di una loggia; dove a sua volta è stato incaricato di infiltrarsi all'interno della polizia. Fin qui è chiaro.

Poi mi ha detto che in realtà lui è di una loggia, e lì è stato incaricato di infiltrarsi all'interno di un organizzazione mafiosa, dove lì è stato incaricato di infiltrarsi all'interno della polizia, dove poi è entrato a far parte dei servizi segreti.

Più tardi mi ha confessato di essersi dimenticato di chi era infiltrato e per cosa.

Per consolazione lo invitiamo al nostro matrimonio.

 

A questo punto gli ho detto di invitare in automatico tutti gli infiltrati che volevano, purché ci lasciassero lo spazio in chiesa, per una quarantina di invitati. Non so esattamente chi o cosa verrà al nostro matrimonio.

 

Poi però, mi è stato detto che al matrimonio ci pensavano loro, ma dovevamo prepararci per alla vita matrimoniale. Siccome la chiesa è al centro di un percorso ecumenico, è soggetta all'influenza di altre religioni.

Gli ho spiegato che in realtà io non seguo alcuna religione, e solo perché amo te che mi sposo in chiesa.

Per loro va bene, solo che vorrebbero darmi alcuni consigli sulla vita di coppia. Alcuni mi hanno suggerito di fare sesso solo dopo il matrimonio. Fin qui ci siamo.

Altri mi hanno suggerito di fare sesso dopo il matrimonio, non la prima notte di nozze, ma la mattina all'alba ai piedi di una piramide egizia per venerare il Dio orus.

Altri mi hanno detto che andava fatto, durante la cerimonia.

 

Gli ho fatto notare la loro invadenza, e allora per tenerli buoni gli ho detto che gli avrei lasciato organizzare l'addio al celibato. «Sbizzarritevi», gli ho detto.

 

Ti devo confessare una cosa Laura. Io non credo nella monogamia. Magari può riuscire bene una coppia fissa insieme, ma è dura.

Lo so, per i religiosi è dura affrontare questo argomento. Un sera, a Roma, ho avuto occasione di parlare con un cattolico osservante, mentre eravamo in coda con le macchine. Si sa, a Roma c'è sempre traffico. Era in un periodo in cui stava rinnovando la fede, e mi raccontava la sua vita matrimoniale; un uomo che aveva raggiunto il suo scopo:«io c'ho provato!», mi disse soddisfatto. E io gli risposi:«va bene, ma adesso ci sono prima io in fila dalle Nigeriane».

Ma questo è il passato Laura, adesso ho occhi solo per te. Giuro di amarti e rispettarti per il resto della tua vita.

 

Una tizia che seguiva una di quelle religioni pseudo matriarcali, mi ha detto che avrei dovuto lasciar perdere con te, e che lei mi avrebbe fatto vivere nel suo villaggio hippy, con tante belle donne a disposizione. Ma io non gli ho dato retta, e adesso quello che ci separa della nostra unione, è solo il tempo di un mese.

Ti aspetto…

 

 

Aggiungi un commento

Filtered HTML

  • Indirizzi web o e-mail vengono trasformati in link automaticamente
  • Elementi HTML permessi: <a> <em> <strong> <cite> <blockquote> <code> <ul> <ol> <li> <dl> <dt> <dd>
  • Linee e paragrafi vanno a capo automaticamente.

Plain text

  • Nessun tag HTML consentito.
  • Indirizzi web o e-mail vengono trasformati in link automaticamente
  • Linee e paragrafi vanno a capo automaticamente.